IL CERCHIO VUOTO – EN KUJI

Posizione: Home

Il Buddhismo "puro" non è legato indissolubilmente al Giappone, alla cultura Zen, cinese, coreana, indiana, ecc. Esso propone un principio universale a fondamento del comportamento individuale di ognuno, considerato nel suo specifico ambito; non propone di modellare gli individui e creare una "forma" che vada bene per tutti. Correttamente inteso, è aperto a tutte le forme di comportamento, può essere adattato a quella del "santo" come a quella dell'ultimo dei "peccatori". Il compito di un individuo è quello di portare avanti se stesso fino alla fine, con coraggio e determinazione, senza aver paura della morte, del giudizio degli altri, di sacrificarsi, di diventare povero, di diventare ricco: questo è l'insegnamento. E l'obiettivo è una morte, non una vita; è morire bene avendo ben vissuto, cioè nel rispetto della vita altrui e della propria "natura autentica".

Maestro M. Dai Do Strumia
da “Il Cammino del cercatore”

Cucitura a Enkuji


Una domenica al mese, sempre rispettando le restrizioni e le misure di sicurezza necessarie in questo periodo, il gruppo Fukudenkai si ritrova per la Cucitura dell'Abito.
Questa è una pratica molto importante della nostra Scuola, che si richiama alla cucitura dell'abito del monaco da stracci e stoffe di recupero.
Nella Scuola Zen Soto il suo profondo significato è stato recuperato da Kodo Sawaki Roshi.
All'Enkuji i membri del Sangha praticano la Cucitura sia in preparazione della Cerimonia dei Precetti Zaike Tokudo sia per la Cucitura dell'O-Kesa.

Prossima giornata Domenica 18 aprile.

Per informazioni contattateci attraverso la nostra mail: dojo@ilcerchiovuoto.it